Pubblicazione EW-Gli Eserciti dei Santi

Ciao a tutti!
Un post per aggiornare chi mi segue sulla pubblicazione della mia ultima fatica, Eternal War – Gli Eserciti dei Santi.

Siccome da oggi è disponibile la versione cartacea in Print on Demand, ne approfitto per tirare le somme dei primi venti giorni di vita del romanzo su Amazon, esclusivamente in formato ebook. Ebbene, durante la prima settimana le vendite sono state altissime, al punto che il libro ha raggiunto le prime posizioni delle categorie “fantasy” (è stato a un passo alla top ten, sgomitando con Martin e Collins!) e “narrativa storica” (qui è arrivato in settima posizione!) Mentre nella classifica assoluta di Amazon, che comprende tutti i generi e i formati, cartaceo incluso, l’ho visto con orgoglio alla 316a posizione, ma qualcuno riferisce di averlo visto addirittura in area 200.

Ovviamente, questo boom iniziale non è durato a lungo: dopo una prima settimana di su e giù nelle prime 2000 posizioni (a fronte di un catalogo Amazon di più di un milione di titoli, a quanto afferma il sito), e una seconda settimana a oscillare tra la 3 e la 7000esima, il titolo è poi sceso progressivamente fino a stabilizzarsi intorno alla 20.000esima posizione.
Io ho pochissima esperienza in fatto di classifiche, ma ascoltando un po’ di pareri in giro e considerando che Acheron è una realtà abbastanza piccola, che esiste da soli sei mesi e ha un seguito ancora ristretto, e considerando soprattutto che nel genere fantasy non avevo praticamente nessun lettore fino a questo momento, si tratta di un risultato di vendita che definirei molto incoraggiante!
Stiamo parlando dei soli utenti Amazon: non appena l’editore renderà disponibile l’ebook anche sulle altre piattaforme e sul sito di Acheron Books, mi auguro che il circolare della voce permetta a EWgEdS di raggiungere altri lettori!
Ma se le vendite di queste prime settimane sono promettenti, i feedback di gradimento sono proprio su un altro livello!

I commenti sono pazzeschi. Ogni volta che ne arriva uno nuovo, mi migliora subito l’umore! Li potete sfogliare cliccando qui. Ci altri miei lavori online, per chi volesse fare un confronto: ASAP, Le Colpe dei Padri, le antologie… la media di stelline è sempre stata piuttosto favorevole, ma nessuna mia storia ha mai ricevuto un’accoglienza calda come quella di EWgEdS. Mi ha fatto un piacere immenso leggere nelle recensioni di aver raggiunto esattamente gli scopi narrativi che mi ero prefissato, e mi hanno addirittura commosso le parole di uno scrittore che è stato tra i miei punti di riferimento negli ultimi anni, e non solo sul piano della narrativa. Sto parlando di Luca Tarenzi, portabandiera dell’urban fantasy italiano, che a EWgEdS ha fatto da illustre gamma reader, e che più di tutti ha creduto nelle potenzialità di questa storia, al punto da arrivare scrivere questo sul suo wall di Facebook. Non ci sono parole per ringraziare.
Ma penso che la buona partenza di EWgEdS sia stata favorita anche dalle recensioni dei blogger e dei lettori che avevano optato per il pre-buy (numeri peraltro non conteggiati da Amazon), che alla data di uscita avevano già iniziato a comparire sul web permettendo ad altri potenziali lettori di cominciare a considerare l’acquisto. Ci sono state anche menzioni ed esortazioni alla lettura, da Fantasy Magazine a Vaporteppa. Che altro dire? Spero che il libro continui su questa rotta, che possa intrattenere e coinvolgere sempre più persone.
Sono arrivati anche i segnalibri con il QR code!

Alcuni ringraziamenti speciali:

  • Gabriele Zweilawyer, editor, autore e cultore storico di ferrea preparazione conosciuto di recente, per avermi segnalato un anacronismo nella preview di EWgEdS  sopravvissuto alle varie stesure e revisioni. Alcuni ringraziamenti speciali.
  • Timoty Horgan, giovane e talentuoso scrittore australiano, per aver accettato a scatola chiusa di fungere da beta reader supplementare alla versione inglese del romanzo, e avermi dato consigli eccellenti. Thank you Tim, you’re the best!
  • A tutti i lettori che hanno sostenuto il libro con l’entusiasmo, le recensioni e il passaparola: questi rimangono senza dubbio i migliori strumenti per far vivere una storia. Un abbraccio speciale a Stefano Cariddi per la dedizione, gli incoraggiamenti e la condivisione di idee.
Per ora è tutto, buone letture e che il vostro Ancestrarca vi guidi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *