Novembre 2014 – aggiornamento e calendario eventi

A un anno esatto dall’inizio della stesura, Le colpe dei padri ha già raggiunto un bel numero di lettori! Dopo soli cinque mesi dalla pubblicazione, l’editore Emanuele Pagani si è sbilanciato in un’indiscrezione. La certezza non arriverà prima dell’anno prossimo, ma il volume degli ordini del distributore suggerisce che il mio romanzo sarà uno dei più grandi successi di vendite di Silele edizioni. 
Best-seller alla libreria IBS di Via XX settembre, Bergamo

Per uno scrittore esordiente, pochi piaceri sono paragonabili a vedere il frutto delle proprie fatiche esposto sugli scaffali delle librerie, accanto ai nomi familiari dei grandi scrittori italiani e stranieri. Una curiosità a questo riguardo: per ragioni alfabetiche, un mio vicino ricorrente nel reparto Narrativa storica è peraltro Franco Forte, di cui lessi l’ottimo manuale di scrittura proprio prima di mettermi a scrivere le Le colpe dei padri. Per rendere perfetto il quadro, in diverse librerie della bergamasca (tra cui IBS Bergamo e Feltrinelli Orio al Serio) e di Milano (Libreria del Corso, in corso Buenos Aires), addirittura il libro è finito nella colonna dei best-seller!

E mentre sono cominciate le prime ricerche per la stesura del secondo volume dell’opera (argomento di uno dei prossimi post), ottobre è tramontato ed è cominciato novembre, un mese che sarà ricchissimo di attività e presentazioni. Ecco dunque il calendario: 
  • Sabato 8 novembre, ore 18:00. Nella giornata centrale della Rassegna della Microeditoria di Chiari (BS) presenterò il mio romanzo nella bellissima Sala Morcelli. Sarà mio interlocutore il mio editore, Emanuele Pagani; dopo la presentazione sarò a disposizione per chiacchiere e autografi presso lo stand di Silele nella zona Espositori.
  • Domenica 9 novembre. Per buona parte della giornata conclusiva della Rassegna della Microeditoria di Chiari (BS), timbrerò con il sigillo di Azzone le copie dei lettori allo stand di Silele Edizioni.
  • Venerdì 14 novembre, ore 20:45. Da un’iniziativa della biblioteca del paese, nel grande Auditorium di Montello (BG), presenterò Le colpe dei padri insieme a due docenti del Liceo Scientifico Federici di Trescore, tra cui il mio ex professore di religione, Gian Mario Vitali. 
  • Giovedì 20 novembre, ore 11:00. Nella Sala consiliare di Magenta (MI) terrò una presentazione/lezione a quattro classi del Liceo Quasimodo, approfondendo i temi della vita quotidiana nel medioevo.
  • Venerdì 21 novembre, ore 21:00. Nel ciclo “Incontri con giovani autori” della Biblioteca Comunale di Cenate Sotto (BG), alle ore 21:00 presenterò il mio libro insieme al prof. Giosuè Berbenni. 
  • Sabato 22 novembre, ore 17:30. Per la prima volta fuori dalla Lombardia, presenterò Le colpe dei padri alla libreria Labirinto di Casale Monferrato (AL). Il mio illustre interlocutore per l’occasione sarà Roberto Coaloa, giornalista del Sole 24 ore e docente all’Università Statale di Milano.
  • Sabato 29 novembre, ore 17:30. Finalmente nella mia zona! Presso la splendida pinacoteca di Sarnico (BG), presenterò il mio romanzo nel paese in cui sono cresciuto.
Cangrande della Scala, dedicatario della terza cantica della Divina Commedia…
Nonché uno dei più insidiosi nemici di Azzone Visconti.
Nella speranza di incontrarvi presto, un grande abbraccio a tutti! 

Le colpe dei padri è realtà!

L’aggiornamento di oggi è per festeggiare, dopo un lunghissimo e faticoso cammino, le prime due settimane di vita di Le colpe dei padri!

Difficile esprimere la gioia che si prova nel vedere le proprie fatiche ripagate dai like sulla pagina Facebook, dalle telefonate degli amici e dall’interesse e l’entusiasmo con cui la notizia viene accolta. 
Posso dire sinceramente di stare vivendo uno dei periodi più belli della mia vita. Mentre il libro comincia poco a poco a circolare nelle librerie e negli shop online, ogni giorno mi porta qualche sorpresa: una nuova fiera, un’intervista, una recensione o più semplicemente una persona che mi cerca per raccontarmi le sue impressioni sulla storia o i protagonisti del libro.
Parlando di numeri

Chi non è dell’ambiente molto di rado sa fare ipotesi sulla tiratura di un libro. Questo numero è determinato da quante di copie l’editore ritiene di poter vendere in un ragionevole arco di tempo, senza che rimangano invendute. Se non parliamo di nomi famosi o casi eccezionali, questo numero è proporzionale alle possibilità della casa editrice e alla “vendibilità” di quel libro: romanzi di generi diversi inducono aspettative di vendita diverse nell’editore. Ad esempio, molti piccoli editori rilevano che fantasy, fantascienza e horror vendono poco e di solito restano limitati a un pubblico che lo scrittore conosce personalmente. Se la cavano invece meglio il giallo, lo storico e l’avventura: proporre a un editore un romanzo di questi generi aumenta la probabilità di destare la sua attenzione e ottenere una dignitosa tiratura iniziale.

Genere a parte, vista la velocità dei moderni mezzi di stampa e composizione, per un editore è chiaramente più sicuro partire con numeri piccoli ed eventualmente ordinare una o più ristampe, piuttosto che ritrovarsi con pile di invenduti da mandare al macero. Alcuni portano all’eccesso questo ragionamento arrivando a proporre agli autori tirature contrattuali da 20 o 30 copie; spesso dietro proposte simili si celano vere e proprie truffe e fenomeni di editoria a pagamento. Occorre quindi la massima attenzione nella selezione di una casa editrice, soprattutto quando ci si ritrova a maneggiare un contratto. Silele edizioni è un piccolo marchio, e la prima edizione del mio romanzo ha avuto una tiratura di 250 copie. Parlando di case editrici di queste dimensioni si tratta di un numero superiore alla media, che di solito viene smaltito nell’arco di diversi mesi. 

Ebbene, dopo pochi giorni dalla pubblicazione ufficiale del romanzo, le prime 250 copie erano già esaurite! Gioia e tripudio!

Mentre i figli della prima ristampa (altre 250 copie) viaggiano verso il distributore e gli store online rimasti a secco per alcuni giorni, voglio condividere questo momento di gaudio con voi che seguite le mie avventure su questo blog e su quello ufficiale del romanzo http://lecolpedeipadri.blogspot.it 
A breve scriverò un altro post sulle presentazioni: finora ce ne sono state due, una a Milano e una a Vertova, entrambe bellissime e baciate dal successo. Speriamo che continui così! 
Un grande abbraccio e al prossimo aggiornamento!

Creato il blog di Le colpe dei padri!

Ciao a tutti!

Dopo la lunga latitanza dal blog, cagionata da un intenso lavorio a “Le colpe dei padri” e alla preparazione alle attività di promozione successive, finalmente sono di nuovo online!

Non so esprimervi quale gioia sia lavorare a fianco dell’editore per migliorare il più possibile l’impatto e la visibilità del mio romanzo. Anche se non ho figli, penso di stare vivendo una versione ridotta di ciò che prova un genitore: l’amore, la gestazione, il parto, lo svezzamento, la cura e l’amorevole insegnamento. Per ora il romanzo è piccolo e non cammina da solo, quindi è un compito anche mio tenerlo per mano finché crescerà abbastanza da diventare indipendente.

Ho creato un nuovo blog, in cui postare tutti gli aggiornamenti e gli approfondimenti relativi a Le colpe dei padri: invito tutti gli amanti del medioevo e dei romanzi storici a dargli un’occhiata! Anche se rimbalzerò qui i post più importanti, ho deciso di tenere separati i due blog perché nel prossimo paio di mesi qui inizierò a parlare di altri progetti che ho in cantiere, e non voglio creare confusione… altre informazioni a riguardo arriveranno quanto prima!

Un grande saluto e un abbraccio agli amici che mi seguono!

Un ebook per San Valentino!

Ciao a tutti gli innamorati e le innamorate di libri e storie!

Siccome è un amore che condividiamo, in questo giorno all’insegna dell’ammmore vi faccio un regalo. Si chiama Cuore Trafitto, ed è un ebook che si può scaricare gratuitamente dal sito LaTelaNera.com, cliccando su questo link.

L’ho curato personalmente: è la raccolta delle migliori otto storie uscite dall’edizione di gennaio di 666 Passi nel Delirio, il concorso di narrativa ultra-breve di cui sono moderatore per il forum della Tela Nera. Devo dire che sono storie davvero carine e molto variegate, sfido qualunque palato a non trovarne nemmeno una di suo gradimento.

Avrei voluto contribuire anch’io con una storiella, ma il tempo a mia disposizione è pochissimo e non volevo sottrarre spazio agli autori (di solito le storie selezionate sono solo 6, ma in questa edizione ne sono state scelte 8 perché ce n’erano troppe davvero carine). Segnalo una strana coincidenza: degli 8 autori selezionati, ben 3 (più io) facevano parte della rosa dei finalisti dell’importante concorso Chrysalide di Mondadori, convocati a Lucca Comics & Games 2013 per incrociare le dita in attesa del verdetto della scuderia degli autori Mondadori ragazzi.

C’era Serena Bertogliatti, finalista della sezione Racconti realistici (con la quale ho avuto un interessante scambio di opinioni);
C’era Federica Soprani, l’unica scrittrice finalista di Chrysalide in ben due sezioni diverse (Urban fantasy e Paranormal Romance) e campionessa della VI edizione del mio contest; una scoperta sia come scrittrice che come persona.
E infine c’era Alessandro Renna, compagno di penna e frequentatore fisso del forum, nonché vincitore assoluto di Chrysalide Mondadori e selezionato come me nella categoria Fantascienza.

La copertina dell’ebook gratis con i cinque vincitori di Chrysalide. Però la copertina di Cuore trafitto mi piace di più!

Tra l’altro, questa esperienza mi ha permesso di conoscere di persona Barbara Baraldi, una delle scrittrici urban fantasy di maggior successo in Italia. Purtroppo, e me ne vergogno, non ho ancora letto nulla di suo; appena terminerò la clausura mentale di medioevo, colmerò anche questa lacuna.

Un saluto a tutti!

Feudi in Scozia, Gamberi e Baionette

BUON 2014 A TUTTI!

Prima di tutto un annuncio: alcuni nobili amici e benefattori mi hanno fatto dono per il mio compleanno di un feudo in Scozia, con il titolo a esso connesso di Laird, che nel resto del mondo è legalmente tradotto con Lord.

Pertanto, è con sommo piacere che annuncio la mia nomina a voi del popolo, in questo fausto giorno di gaudio (come diceva il prete di Balle Spaziali); va da sé che mi aspetto che tutti voi utilizziate il mio titolo quando vi rivolgerete a me, da oggi in poi, per verbo e per missiva. Sto altresì informandomi circa la possibilità di creare cavalieri, e non escludo una cerimonia di investitura per i miei più fidi scherani e sergenti, la prossima Pentecoste.

Ma non è questa l’unica novità che sono ad annunciarvi. Intanto, la mia operazione alla spalla è ormai compiuta: il mio braccio destro penzola inutilizzabile e in questo momento sto dettando queste parole a un programma speech to text che le converte in righe di scrittura, mentre muovo il mouse con la mano sinistra. A questo si aggiunge un raffreddore colossale e una generale mancanza di forze: per un po’ sarò poco recettivo a qualunque proposta che mi spinga fuori di casa. Colgo l’occasione per ringraziare e salutare quanti mi hanno fatto visita negli ultimi giorni: Dario Giubileo, Gea Beltrame (che il programma speech to text aveva convertito in bugia del tram), Marco Lomonaco, Ivan Danesi, Marco Redaelli, Federica Berlanda, Nicola Gelmi, Christoph Cirillo, Flaminia Mocanu, Lisa e Francesco Gambarini e naturalmente Clara Beltrame. Un ringraziamento anche ai moltissimi amici che mi hanno scritto, messaggiato e recapitato in vari modi i loro auguri e saluti: grazie a voi questa dolorosa convalescenza è stata un po’ meno dura.

E ora veniamo al vero motivo di questo post. Chiunque in Italia bazzichi nell’ambiente della narrativa fantastica, presto o tardi avrà sentito parlare di due personaggi sospesi tra realtà e mito.


Alcuni li idolatrano, altri li aborriscono. In alcuni degli ambienti con cui sono in contatto, ho sentito persone che evitavano persino di nominarli, ricorrendo a pseudonimi tipo “Quello”, “Quella” e “Tu sai chi”, ma i loro veri nickname sono Gamberetta e Duca di baionette. Questi i loro spazi: Gamberi fantasy e Baionette librarie.

I due blog sono diversi sia per grafica che per impostazione, ma coloro che li gestiscono sono sodali fra loro. Personalmente, io sprono qualunque amante della lettura e qualunque aspirante scrittore a sfogliare questi due blog, lasciandosi guidare dall’ispirazione e dagli argomenti trattati nei post. Credo che chiunque troverà qualcosa di proprio interesse. Si parla di libri, naturalmente, di TUTTI i libri. E li si tratta molto, MOLTO MALE. Anche i vostri preferiti. Anche quelli che considerate più sacri di Nanto e più divini di Hokuto. Ma non lo si fa a caso, attenzione: c’è molto criterio nel procedimento. Un criterio spietato, chirurgico e brutale, senza dubbio; non privo di una certa nota di sadismo, non potrei escluderlo. Ma…


…so già che qualcuno mi odierà per quanto sto per dire…


…Ma sticazzi. Questi qui (e i loro collaboratori) sanno ciò che dicono. Se avete scritto un libro e quel libro ha qualche punto debole, loro lo beccano a occhi chiusi. Non fate affidamento su motivazioni “d’autore” o licenze stilistiche: se capitate sotto le loro mani non verrete perdonati per nessuna forma di incoerenza, inverosimiglianza e ridondanza a nessun livello, mai. Sono dei segugi. Hanno un loro metodo per giudicare i libri, un metodo stringente e doloroso come un cilicio, che a quanto ho capito si ispira primariamente a Flaubert e alla Scuola di Chicago. Io non sono un teorico e discutere di critica letteraria e ideologia narrativa mi interessa solo fino a un certo punto. Mi limito a rilevare questo: il loro metodo di concepire le storie funziona.

Immaginate dei Grammar Nazi che conducano i loro Panzer fuori dalla grammatica per invadere la sintassi, la struttura narrativa e qualsiasi altra cosa sulla pagina. Ecco, ora state cominciando a farvi un’idea su questi qui. I loro giudizi non fanno prigionieri nemmeno tra le realtà editoriali piccole o in difficoltà, sono dannatamente pignoli, dannatamente motivati e hanno una preparazione teorico/tecnica adamantina.

Io che sono un disordinato cronico, uno smemorato patologico e un profondo empatico, in passato ho avuto moti di raccapriccio leggendo le crudeli recensioni che bastonavano errori e scelte che avrei potuto fare io stesso.

“Se mai pubblicassero il libro che ho scritto e in cui ho versato tutto me stesso, e Gamberetta lo distruggesse in questo modo, riuscirei mai a riprendermi dallo shock? Riuscirei a ritrovare qualche brandello di autostima?”

Questa domanda a me pare legittima. La risposta di parecchi esordienti che conosco è quella di partire in opposizione di principio, mettendo le mani avanti a identificare questo ambiente come “il nemico”, nella paura/speranza di essere un giorno nel loro mirino (perché vorrebbe dire che hanno pubblicato per davvero). Io ho deciso di tentare una strada diversa.

A breve parteciperò al corso di scrittura creativa del Duca, e sentirò cos’hanno da dire di costruttivo gli esponenti di questa scuola di pensiero. Vorrei che fosse chiaro che non si tratta di una scelta di campo. Non mi farei alcun problema a dirlo, se così fosse. Semplicemente questa esperienza potrebbe insegnarmi moltissimo, così come il recente seminario di Raul Montanari, e prima ancora le lezioni di sceneggiatura con Adriano Barone (tappe principali della mia formazione di narratore nell’ultimo anno).

A volte capita che a poterci insegnare qualcosa siano persone di cui non condividiamo i metodi, o che non hanno alcun punto di contatto con noi. È mia ferma convinzione che in questi casi la cosa migliore sia mettere da parte ego e preconcetti, aprire la mente con umiltà e rimandare qualunque giudizio personale a dopo l’esperienza. Certo, si prevedono dolori; ma se c’è una cosa che il forum de LaTelaNera insegna ai suoi utenti è questa: le cinghiate sui denti non devono spaventare uno scrittore esordiente, ma fargli venire l’acquolina in bocca.

Sprono chiunque abbia intrapreso questo difficile percorso ad abbracciare una metafora piratesca che ho coniato l’anno scorso (e di cui vado molto orgoglioso): ricevere un complimento è un doblone, ricevere una critica è la mappa di un tesoro. Una mappa non riempie la pancia e prelude a un viaggio duro, ma in potenza vale infinitamente più di una moneta. Il parere altrui è sempre preziosissimo, qualunque sia. Sta poi a chi riceve la critica scegliere se intraprendere l’impresa oppure no, perché uno scrittore è come un pirata: è libero di fare quel che vuole e fa quel che vuole perché è libero.

e così ho anche una scusa per postare questo video a tema piratesco che fa scompisciare!! XD

E con questo, auguro a tutti un buon 2014 e saluto gli amici, i colleghi esordienti e tutti gli onorati visitatori e ospiti del blog. Passate a dare un’occhiata alla sezione Racconti ad Alta voce, se vi capita diffondete la notizia: il progetto ha bisogno di buone penne per decollare!

Aggiornamento Dicembre 2013

Il mese di novembre si è chiuso solo da alcuni giorni, ma sono sicuro che sarà difficile da dimenticare per 6 motivi:

1) I miei meravigliosi baffi. It’s Movember, guys!

2) Il mio romanzo. Dopo mesi e mesi di approfondite ricerche storiche, finalmente il 5 novembre 2013 mi sono costretto davanti al PC e ho iniziato a scrivere la mia storia. Il progetto internazionale del NaNo writing month mi ha aiutato a restare concentrato. Nell’arco di 30 giorni ho scritto le prime 90 pagine. Forse avrebbero potuto essere di più, ma sono molto soddisfatto di come sono uscite. Spero di riuscire a produrre le altre 210 entro la metà di febbraio, come pianificato. Nuovi aggiornamenti seguiranno, per chi volesse seguire gli sviluppi della mia avventura nel medioevo lombardo. ^_^

3) Finalmente ho affronto le lussazioni frequenti alla spalla destra e ho prenotato un’operazione risolutiva. Per questo problema avevo dovuto interrompere la pratica delle arti marziali, quindi la questione mi sta particolarmente a cuore. E tuttavia, significa che dal giorno dell’operazione, Venerdì 13 dicembre (BRRR…), fino a metà gennaio avrò un braccio praticamente inservibile. Non potrò guidare, non potrò trasportare pesi, dovrò fare solo il movimento indispensabile e avrò difficoltà a digitare sulla tastiera. Il romanzo? Ho approntato un programma di dettatura digitale che supplirà alla mia mancanza convertendo la mia voce in parole scritte. Non sarà la stessa cosa, ma meglio di niente!

4) Ho letto ad alta voce Capolinea, il racconto urban fantasy pubblicato nella raccolta Dieci passi nell’aldilà (Liberodiscrivere). Gli amici del canale web Twentyz radio mi hanno messo a disposizione la loro abilità e i loro strumenti di incisione, letteralmente, per dare voce a quello che finora è stato il mio racconto di punta. Ci abbiamo messo un pomeriggio intero ma è stato divertentissimo! 😀 Non so quanto ci vorrà perché l’audiolibro sia pronto, pubblicherò le novità. Ne abbiamo anche approfittato per discutere i dettagli del nostro progetto Racconti ad alta voce.

5) Mia mamma ha partecipato alla trasmissione Sconosciuti su RAI 3 per parlare delle dolorose esperienze passate dalla nostra famiglia. Chi mi conosce sa (o immagina) cosa abbiano significato quegli anni per me e i miei fratelli; io amo più di ogni altra cosa la serenità, per questo ho scelto di  non partecipare a quella trasmissione, anche se poteva essere un’occasione per farmi pubblicità. Avrei fatto volentieri a meno di mettere a repentaglio gli instabili equilibri su cui si regge la mia famiglia; d’altra parte sono il primo a riconoscere l’importanza della parola e della denuncia. Se quella trasmissione ha fatto stare meglio mia madre e mio fratello (che ha voluto partecipare a sua volta), sono solo contento per loro. Ciascuno si confronta con il passato nel modo e nel momento che preferisce. Io conosco il mio approccio alla questione, quello degli altri non lo giudico. Lascio le considerazioni a chi vuole farle.

6) Infine, per chiudere con una buona notizia, novembre mi ha portato una vera e propria valanga di conferme e successi letterari!

  • Tutto è cominciato con il concorso Chrysalide, organizzato nientemeno che da Mondadori. Su oltre 700 partecipanti divisi in cinque sezioni, sono risultato uno dei 5 finalisti grazie al racconto di fantascienza Succo d’Insetto, ambientato in una Vicenza sotterranea all’alba della fine del mondo. A inizio novembre ero a Lucca alla proclamazione dei vincitori. La dea bendata non mi ha sorriso più di così, ma ho fatto conoscenze interessanti e posso comunque fregiarmi dell’ottimo piazzamento.
  • Due settimane dopo Lucca, ecco i risultati di un altro agguerritissimo concorso a cui avevo partecipato mesi fa: indetto da Nero Press Edizioni, trattavasi del Premio Polidori per la letteratura horror. Il mio racconto Il bello della diretta, che mescolava ipnosi e zombie nel calderone di una Milano impazzita, si è aggiudicato una medaglia d’argento!
  • Nel frattempo, al corso di scrittura creativa che da ormai un anno frequento presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, avevano richiesto la parte iniziale di un romanzo da esaminare e commentare in classe. Non potevo che sottoporre l’inizio del romanzo che stavo stendendo. Grandissima la tensione: prima di me, l’insegnante (il famoso Raul Montanari) aveva già abbattuto parole a mannaia sugli incipit dei miei compagni di corso, senza risparmiare nemmeno quelli più bravi. Lietissima sorpresa sentirgli dire “Eccellente l’ambientazione, vale il biglietto” e “la scrittura è ordinata ed elegante, pressoché impeccabile”. Pur non essendo d’accordo sul secondo punto – del resto è una prima stesura, ancora da rivedere sul piano stilistico – è stata una fantastica conferma. 
  • Ultimo in ordine cronologico ma primo per risultato, nella gara Matrix Anthology organizzata dal grande Diego Di Dio per conto di Homo Scrivens è stato vincitore assoluto il mio racconto Prologual Rhapsodix. Il tema della gara? Storie brevissime basate sulla trilogia dei film di Matrix. Per me, tutto era cominciato con questo pensiero: “Che cacchio potrei mai aggiungere all’universo di Matrix, che è un concentrato di ogni figata mai concepita dall’uomo?” E in effetti pensateci: dalla filosofia alle armi da fuoco, dalle leggende sul sovrannaturale al cyberpunk, e poi amore, libero arbitrio, arti marziali, teorie complottiste, inseguimenti in auto, superpoteri, una realtà fittizia da cui risvegliarsi e chi più ne ha più ne metta. C’è praticamente tutto. Intanto andava la playlist del cazzeggio, e la riproduzione casuale decideva che dovevo ascoltare Bohemian Rhapsody dei Queen. Cliccate sul link e ascoltate le prime quattro frasi:


Is this the real life?
Is this just fantasy?

Caught in a landslide,
No escape from reality.
Dai, non avreste pensato anche voi che sembrasse fatto apposta per Matrix? 😀 Io ho pensato: “Puttana Eva, ecco cosa manca a Matrix: i Queen!” Quindi mi sono messo a riscrivere B. R. in chiave matrixosa, intervallando righe dal testo della canzone con brani scritti da me, in modo che il tempo di lettura dei brani fosse più o meno lo stesso della parte di canzone che sovrascrivevano. Poteva uscire una boiata colossale, ma pare che anche questa volta la fortuna sia stata dalla mia parte! 😀 Hurrah!!!
Cosa porterà questo dicembre? La mia prima operazione chirurgica, la mia prima anestesia totale, un Natale in famiglia più teso del solito, un romanzo da portare avanti e un lavoro milanese da trovare. Il resto, lo sa il cielo. 
Mi sa tanto che la pacchia è bell’e finita. E non ho nemmeno più i miei bellissimi baffi.
Stupido dicembre. 
Ma non è il momento di farsi prendere dal magone. Facciamo un respiro profondo, teniamo uno sguardo critico su noi stessi e concentriamoci solo sui problemi che possiamo risolvere. Non esiste ostacolo più duro del cranio di una persona determinata. E io sono già svampito e ho la memoria di una bistecca di alpaca: non ho alcun motivo per andarci leggero con le testate. 
Un grande saluto agli amici e i famigliari che hanno fatto il tifo per me in questo periodo di grande attività e scarsa presenza sociale. Non ce l’avrei fatta senza di voi. 
Alla prossima!